Diamo voce alla murgia.

blog

corvo

Recensione: “Il Corvo” di Kader Abdolah

5 dicembre 2013

Un vecchio corvo sui tetti della sua casa di Teheran ed un giovane corvo su quelli della sua casa olandese è il filo conduttore che ci trasposta tra le origini nei classici letterari mediorientali e la moderna scrittura nordeuropea.

Kader Abdolah, dissidente del regime teocratico iraniano, si racconta. Un’autobiografia fugace e avvincente delle fasi più importanti della sua vita, dal sogno di un bambino di divenire un poeta, passando dalle illusioni dell’Unione Sovietica, all’asilo politico conquistato, dopo un lungo viaggio stivato nel cassone di un TIR, in Olanda dove è attualmente riconosciuto come uno dei migliori degli scrittori in lingua nederlandese di tutti i tempi, ma anche dove non si vive di sola scrittura ed è tenuto a svolgere l’attività principale (almeno per la camera di commercio) di “sensale nel ramo del caffè”.

Nel libro sono presenti delle citazioni di altissimo livello colte dalla letteratura persiana ed olandese , usate come pietre preziose, arricchiscono il lettore.

In occasione della Settimana del Libro Nederlandese in Olanda viene distribuito il Boekenweekgeschenk, ovvero ‘il libricino’ che viene distribuito praticamente nelle mani di tutti gli olandesi e spesso ne diviene un classico della letteratura nazionale. Il corvo è appunto il Boekenweekgeschenk 2011, a conferma di quanto si conferma efficace la scrittura di Abdolah nel Nordeuropa.

Il corvo, l’animale, è sempre presente nei racconti della tradizione persiana.