Diamo voce alla murgia.

Il Minotauro cieco

Il Minotauro cieco

Pagine: 0

Anno di stampa:

Isbn:

Prezzo: € 15.00

Loading Updating cart...

Ninní, anello di congiunzione tra mondi apparentemente inconciliabili, nasce a Roma nel 1938 in un palazzo del ghetto, scenario e confine dei suoi primi anni. Sopravvissuta al peggio insieme al nonno, un Gentile-gentile di alta statura morale, imparerà a rientrare nella vita, nonostante tutto. Sarà il filo dell’amore, quel piccolo rocchetto trattenuto a un capo dal tenace e ostinato intellettuale partenopeo, a trascinare verso le sue amorevoli braccia di nonno-padre-madre una bambina ferita che cresce, giorno dopo giorno, soffocando lacrime, colmando assenze, nascondendo paure, scegliendo il silenzio davanti ad un’umanità sorda che continua a considerarla solo una di quelli che hanno perso la loro famiglia ad Auschwitz o una sopravvissuta all’eredità amorale dei campi dei concentramento.
Il Minotauro cieco, con delicatezza e intensità, racconta di una corrispondenza d’amore tra nonno e nipote e dello sforzo titanico che si è chiamati a compiere per raggiungere la riva, ma è al contempo la storia di un percorso più ampio di riconciliazione, necessario per andare oltre i pregiudizi e restituire al dolore l’unico senso possibile, quello di renderci migliori e capaci di ricominciare. Francesca Romana Mormile, al suo primo romanzo, ci consegna un’opera intima e toccante che coinvolge il lettore in un viaggio-memoriale lungo i binari sfumati del ricordo. Alla sua narrazione, fatta di toni soffusi e passaggi surreali, il lettore si affida ciecamente per andare dove il filo di Arianna conduce, lì dove dirà la luce delle stelle.

Francesca Romana Mormile, nasce a Taranto, studia e si forma a Roma dove lavora come interprete-traduttrice di spagnolo e francese e insegnante di lingue presso Istituti Statali di secondo grado. Nel 2005 si trasferisce a Madrid con i quattro figli, vi risiederà per cinque anni, dedicandosi interamente alla loro crescita e alla scrittura. Il Minotauro cieco è il suo primo romanzo.

comments powered by Disqus