Diamo voce alla murgia.

I FUOCHI DI ZEUS

I FUOCHI DI ZEUS

La Murgia e il terrore atomico

di Petrara Onofrio

Pagine: 141

Anno di stampa: 2012

Isbn: 978-88-6653-043-5

Prezzo: € 14.00

Loading Updating cart...

L'ultimo lavoro di Onofrio Petrara, I fuochi di Zeus. La Murgia e il terrore atomico è uno studio, effettuato dallo storico e politico locale, per raccontare una storia di cinquant'anni fa, quella dei missili Jupiter installati nel territorio apulo-lucano, e in particolare nel Bosco Comunale Difesa Grande, per “rafforzare le capacità di difesa (e di offesa) del «mondo libero» in quell’area del Mediterraneo”; un'indagine, tra i testimoni di quegli anni, alla ricerca di notizie, testimonianze, frammenti di storia, emozioni e angosce di tutti coloro che vennero a contatto con questa sconvolgente vicenda. “È un dovere verso le giovani generazioni – scrive Petrara - colmare un vuoto di memoria collettiva; un vuoto certamente dovuto non solo ai segreti militari ancora sigillati negli archivi di Stato, ma anche alla inerzia degli storici contemporanei e delle classi dirigenti nel tracciare un profilo storico-politico di quella nefasta avventura, che paradossalmente poteva provocare una catastrofe irreparabile”. Allo scrittore interessa comprendere perché le popolazioni interessate non soltanto non abbiano reagito alla incombente minaccia dell’olocausto nucleare, ma non abbiano neppure mostrato di avvertire il pericolo, nonostante fosse ancora fresca la memoria degli atroci effetti della guerra aerea, che non aveva risparmiato il territorio pugliese. E  interessa ancora di più capire le ragioni che spinsero il PCI a non ricorrere alla lotta di massa per impedire l’armamento atomico nelle Murge e in Italia e a preferire, invece, la via della battaglia parlamentare per contrastare le scelte della DC e dei suoi alleati, che esponevano il territorio nazionale al rischio di un disastro epocale in caso di conflitto. I fuochi di Zeus narra “della lunga fatica che devono compiere gli uomini per costruire la pace, coltivare il bene comune della concordia e della coesistenza tra i popoli”. Solo se ognuno porta il proprio contributo nella difesa di questi valori.

Onofrio Petrara, nato nel 1933 a Gravina, è stato Sindaco del Comune di Gravina in Puglia per tre mandati consecutivi. Eletto, nelle liste del Pci, Senatore della Repubblica per due legislature, ha fatto parte delle Commissioni permanenti dell’Industria ed è stato componente della Commissione di controllo sugli interventi nel Mezzogiorno e della Commissione d’Inchiesta Terremoti in Basilicata e Campania. Ha pubblicato con Il Grillo Editore Solleva la schiena curva. Lotte contadine, sfide culturali e classe dirigente in una comunità del Sud 1945-1995 nel 2005 con il professor Enzo Marchetti, Dieci anni in Parlamento. Emozioni, ricordi e fatiche di un senatore nel 2007 e Salire i gradini. Contadini e uomini della Murgia nel 2009. Quest'ultimo è stata insignito del Premio Puglia Libre per le eccellenze della media editoria pugliese come Miglior testo di Storia e Cultura Locale.

comments powered by Disqus